La guerra e la tristezza

Mundo · Fernando de Haro
COMPARTIR ARTÍCULO Compartir artículo
| Me gusta 4
12 octubre 2023
Siamo sconvolti e impressionati dalla crudeltà con cui ha agito Hamas. Non è necessario essere esperto di geopolitica o del Medio Oriente per formulare un giudizio sui fatti. Abbiamo i criteri nella nostra stessa esperienza.
I dettagli della strage perpetrata da Hamas nel Kibutz di Kfar Aza, dove sono stati uccisi bambini a sangue freddo, ci hanno nuovamente sconvolto.
Dal sabato siamo sconvolti e impressionati dalla crudeltà con cui ha agito Hamas. Il conflitto è lungo e intricato. Ciò che ha fatto Hamas non ha alcuna giustificazione. Per questo è più opportuno che mai che Israele risponda in modo proporzionato.
Tutti ci chiediamo come sia possibile causare tanto male. All’orrore si unisce l’inquietudine su ciò che potrebbe accadere non solo in Medio Oriente ma in tutto il mondo con questa nuova guerra. Prima di addentrarci in nuove analisi, prima di distribuire colpe, dobbiamo riconoscere che negli ultimi giorni abbiamo avuto un sentimento di rifiuto. E quel sentimento, quella prima impressione, è la migliore indicazione per poter valutare e capire cosa sta succedendo, per addentrarci nella complessità di una situazione così dolorosa. Non è necessario essere esperto di geopolitica o del Medio Oriente per formulare un giudizio sui fatti. Abbiamo i criteri nella nostra stessa esperienza.
Qualunque sia la nostra ideologia, l’orrore che abbiamo provato e che proviamo ci indica che la mancanza di rispetto per la vita e per la libertà degli uomini, delle donne e dei bambini è ingiusta, aberrante. È difficile trovare il filo della prima ingiustizia che ha impigliato tutto in Terra Santa. Ed è praticamente inutile mettersi a cercarlo. Tutti abbiamo pensato in questi giorni che bisogna fermare una spirale di vendette, una escalation che dura già da 70 anni. Tutti abbiamo esperienza del fatto che il nostro desiderio di giustizia, che è infinito, non si soddisfa con la vendetta. Abbiamo tutti intuito in qualche momento che anche quando siamo vittime desideriamo liberarci dal male subito, non restare ancorati all’offesa, all’infamia. La giustizia, come molti altri desideri, spesso non si realizza come avevamo pensato, come avevamo immaginato inizialmente. Siamo più umani quanto più intensamente desideriamo la giustizia, quanto più siamo disposti ad accettarla non appena c’è una possibilità che si materializzi, anche se non ha la forma che le avevamo dato nella nostra immaginazione.
Segui gli articoli più importanti della settimana di Páginas Digital su Twitter!

Noticias relacionadas

¿Qué futuro para Europa?
Mundo · Ángel Satué
No basta que nos hablen de Europa para ser europeístas, no basta con disfrutar las bondades racionales de la libertad de movimientos de capitales, mercancías y personas. Parece que las 12 estrellas quedan muy altas....
11 junio 2024 | Me gusta 3
Unida en la diversidad, «In varietate concordia»
Mundo · Ángel Satué
Junto con el Brexit y la respuesta al COVID la guerra de Ucrania ha tenido un efecto federalizante, esto es, de compartir soberanía. En el siglo XXI la soberanía de los Estados Miembros se debe de conjugar, por necesidad y algunos, por convicción, en un compartir soberanía de un modo multinivel....
6 junio 2024 | Me gusta 1
Himnos y manipulaciones
Mundo · GONZALO MATEOS
No debemos dejarnos cegar por algunas dinámicas de confrontación política buscadas para exacerbar nuestros sentimientos. Son tiempos de reflexión, de debate plural sobre el cuestionamiento de lo que se consideraba incuestionable pero que afecta a nuestro ideal común....
3 junio 2024 | Me gusta 3
Europa se construye en la crisis
Mundo · Ricardo Gómez Laorga
La pandemia puso a Europa «frente al espejo» de su excesiva dependencia de la producción foránea en determinados bienes básicos y estratégicos. Esto auspicio un nuevo rumbo en la política exterior hacia una «autonomía estratégica abierta»....
3 junio 2024 | Me gusta 2